Che nome scelgo per la mia applicazione?

Written by on Lunedì 2 Novembre 2015

Che nome scelgo per la mia applicazione?
Scegliere un nome per la tua app può essere un bel rompicapo. Ci sono alcune linee guida che dovresti seguire per far si che il tuo nome sia facile da ricordare e ottenga allo stesso tempo un bel numero di download. Innanzitutto pensa alla prima impressione che potranno avere i tuoi futuri utenti quando leggeranno il nome dell’app. Utilizza bene il piccolo spazio che hai disposizione per catturare l'attenzione degli utenti sugli store.
 

Il nome dell’app di un brand

Creare un’app per un brand o di un’attività é totalmente diverso rispetto a realizzarne una da zero. L’app per un brand giá esistente é lo scenario migliore che tu possa incontrare. In questo caso nella scelta del nome ti basterà mantenere il nome della marca, aggiungendo magari una funzionalità chiave del prodotto in questione.
 

Che nome scelgo per la mia applicazione?
Esempio: Etsy: Shop Handmade, Vintage & Creative Goods
Anche se Etsy é un marketplace popolarissimo tra i più scaltri e i neofiti, le parole chiave sono sapientemente selezionate per far si che qualsiasi tipo di utente possa subito identificare l'applicazione.
 
Devi semplicemente tenere bene in mente i requisiti degli store. Per esempio nell’App Store i nomi possono avere fino a 50 caratteri, mentre per Google Play il limite è di 30. Quindi per Google é consigliabile scegliere un nome breve e puntare su di lui. Ricorda inoltre che i tuoi utenti, mentre navigano nello store, vedranno solo i primi 10 caratteri.

Adesso pensa a come apparirà il nome dell’app sullo schermo del telefono, ovvero come lo vedranno i tuoi utenti. In questo caso Apple ti dice:  "Il nome dell’app su iTunes Connect dovrebbe essere simile a quello dello store, in modo da non creare confusione".

Last but not least pensa quindi a come utilizzerai il nome all’interno della stessa app. Ad esempio nello splash screen é raccomandabile utilizzare la parole chiave giá usate in precedenza.
 

Il nome di un’app creata da zero

Quando devi pensare al nome di un’app da zero hai molta più libertá, ovviamente senza dimenticare le regole suggerite dalle guide. Detto questo, l’obiettivo é creare un nome che rappresenti il meglio della tua applicazione mobile. Cerca di essere creativo, senza andare troppo lontano da quello che la tua app offre.
 

Che nome scelgo per la mia applicazione?
Devi anche prestare attenzione a un punto in particolare: essere facilmente riconoscibile. Un nome non deve essere per forza altisonante, il tuo obiettivo é descrivere l’app. Questo deve inoltre essere facile da ricordare. Dopo tutto tu non stai semplicemente pensando a un nome per te stesso, ma anche creando un brand!

Esempio: Artkive – Save Kids’ Art
In questo caso abbiamo un nome composto, ma facile da pronunciare e soprattutto da ricordare. La frase "Save Kids' Art" poi, parla da sè. Ottima per i motori di ricerca e per dare qualche informazione sull’applicazione.


Dovrai controllare se il nome in questione é disponibile su Twitter, Facebook o come dominio. Si tratta di un passo cruciale, assicurarti che il nome della tua app o parte di esso non sia già stato utilizzato. Questo puó infatti essere una causa di rifiuto dell’app da parte degli store.

Pensa poi a quante app ci sono attualmente negli store, 1,6 milioni per Android, 1,5 milioni per iOS (secondo Statista). Cerca dei sinonimi, soprattutto se ti stai lanciando in un’area dove le parole chiave che avevi pensato sono state già usate.
 

Il nome dell’app e l’ASO

Mi raccomando, non perdere di vista i risultati nella ricerca. Ricorda quando ti abbiamo parlato di ASO: Ottimizzazione nell’App Store e dell’importanza di assegnare parole chiave all’app nel campo dei meta data, quando questa viene inviata agli store. Nota bene: se le parole chiave scelte si trovano anche nel titolo, avrai  risultati migliori. Ma mi raccomando cerca di non strafare! Questo perché con le ultime novità su App Store, c'é un maggior controllo anti-spam per quanto riguarda la lunghezza dei titoli.
 

Che nome scelgo per la mia applicazione?
Esempio : Real Simple Checklists
Il nome in questione è 100% Aso oriented, ma allo stesso tempo facile da ricordare. Dal momento che é di per sé abbastanza efficace, i creatori dell’app si sono presi una certa libertá nel realizzare l’icona, utilizzando semplicemente la sigla RS.


Il modo migliore per ottenere traffico organico é anche quello di utilizzare frasi brevi che gli utenti potrebbero utilizzare per la ricerca. Non bisogna esagerare però, le parole chiave usate devono essere pertinenti o l’app potrebbe essere respinta.

Se possibile cerca di avere da 1 a 3 parole chiave, é meglio per il riconoscimento del brand. Cerca di essere semplice e di andare dritto al punto.
 

Prima di iniziare puoi inoltre dare un'occhiata ai consigli di Google Play e App Store. Ma ricorda sempre che scegliere un nome pertinente e in accordo con il contenuto e le funzionalità dell'app, ti terrà ben lontano da un rigetto da parte di Apple.



Inserisci la tua email