Crea un'app
Indietro

Migrazione delle tue app GoodBarber ad Android 11

il 

Alcuni dicono che è la fine di un'era. 

Storicamente, le app Android sono state distribuite nel formato APK. Se non hai familiarità con il concetto di .apk, sappi che si tratta del file che viene prodotto come risultato dello sviluppo della tua app. Android Package Kit (APK) è il formato di file utilizzato per distribuire e installare le app e farle funzionare sui dispositivi Android.  

Google ha annunciato all'inizio dell'estate che il formato AAB sostituirà l'APK (Android Package). 

"Da agosto 2021, le nuove app dovranno essere pubblicate utilizzando il formato Android App Bundle e soddisfare l'obiettivo del livello API 30 (Android 11)."

Scaviamo un po' più a fondo nelle novità di Android 11 per capire che impatto avrà sulla tua app GoodBarber. 

Android App Bundle - AAB

A partire da agosto 2021, AAB diventerà il formato predefinito delle app Android. Tutte le nuove app dovranno essere presentate in questo formato.  

Quindi, cos'è un AAB? 

Per semplificare, contrariamente all'APK che contiene solo una versione della tua app, l'AAB "raggruppa" diverse versioni di un'app in un unico pacchetto. Quando un utente clicca su "Installa" su Google Play, il Play Store invia solo i bit rilevanti al dispositivo che richiede l'installazione. Google genera un file APK su misura dal file AAB con le risorse necessarie richieste dal dispositivo.  

Tecnicamente, il dispositivo riceve ancora un APK, ma questo APK è stato generato dinamicamente nel cloud. 

Quali sono i vantaggi dell'AAB?

- Dimensioni ridotte del file: gli APK generati dall'AAB sono più piccoli, quindi richiedono meno tempo per il download e meno spazio su un dispositivo. Google afferma che in media questi APK sono il 15% più piccoli di un APK universale. 

- Play App Signing: il Play App Signing è richiesto per i bundle di app. per Google Play, le priorità è offrire una piattaforma affidabile e sicura ai suoi utenti e sviluppatori. Con questa funzione, Google gestisce la chiave di firma della tua app e la protegge dalle perdite utilizzando l'infrastruttura sicura di Google. Garantisce anche che l'APK non venga compromesso tra il caricamento da parte dello sviluppatore e l'installazione dell'utente. 

Nel processo di firma vengono utilizzate due diverse chiavi.
  • La App Signing Key: la chiave usata da Google per firmare l'APK prima del rilascio
  • La chiave di upload: Questa è la chiave usata dallo sviluppatore per caricare l'APK sulla Play Console.

Obiettivo API Livello 30

Ogni volta che Google lancia una nuova versione di Android, introduce significativi miglioramenti alla sicurezza, alle prestazioni e all'esperienza utente.  
Per assicurarti che i tuoi utenti possano beneficiare di questi miglioramenti, la tua app deve soddisfare il recente livello di target API. 

Noi di GoodBarber aggiorniamo il target SDK dei nostri motori e apportiamo diverse modifiche richieste da Google ogni anno. In questo modo, le tue app Android generate tramite il tuo back office continuano a soddisfare i requisiti di Google. 
A partire da ora, le nuove app e gli aggiornamenti delle app devono avere come target Android 10 (livello API 29). Tuttavia, a partire da novembre 2021, tutte le app che vengono aggiornate devono puntare almeno ad Android 11 (livello API 30). 

Ma non preoccuparti! Abbiamo fatto la maggior parte del lavoro per te. Come vedrai nella guida online dedicata, la tua app è già impostata al punto giusto del processo di compilazione di Android, devi solo seguire i passaggi.
Puoi ricostruire la tua app ora per essere pronto ben prima della scadenza imposta da Google. 

Cosa significa per la tua App GoodBarber per Android

Migra la tua App GoodBarber ad Android 11

Per soddisfare tutti i nuovi requisiti di Google, è necessario migrare la tua App GoodBarber ad Android 11.  

Una di queste modifiche è l'opt-in per il Play App Signing. Poiché Google si sta muovendo verso l'obbligatorietà di questa funzione, per stare al passo con i tempi, abbiamo fatto la scelta di abilitare Play App Signing per default su tutte le nuove app. Per le app esistenti che non hanno abilitato questa funzione, puoi trovare una guida online che ti guiderà attraverso i passi da seguire nel back office della tua app e su Google Console. 

Per aiutarti, trovi una guida online dettagliata dedicata nel back office della tua app. Vedrai che la tua app è già impostata al punto giusto nel processo Android, dovrai semplicemente seguire le istruzioni.  
 
Nessun aggiornamento al Play Store sarà possibile se non fai prima queste modifiche.
 

Autenticazione di Facebook 

In seguito ai requisiti di Google 2021 e alla migrazione della tua app Android ad Android 11, per mantenere l'autenticazione di Facebook funzionante sulla tua app Android, è necessario aggiungere alcune impostazioni alla tua app Facebook sulla piattaforma per sviluppatori di Facebook. Per quanto riguarda la migrazione della tua app, troverai una guida online dedicata nel tuo back office. 

Autenticazione Facebook : Queste modifiche devono essere fatte dopo che la tua app è stata ricostruita (nuova versione ad hoc generata) e prima di inviare la nuova versione al Play Store. 



Se preferisci che il nostro team si occupi della migrazione della tua app ad Android 11, il nostro servizio GoodBarber Takes Care è qui per aiutarti.  
Puoi trovare maggiori informazioni qui .