User Engagement Metrics. Cosa c'è oltre i download.

Written by on Mercoledì 30 Aprile 2014

User Engagement Metrics. Cosa c'è oltre i download.
"I downloads consentono all'app di emergere, ma non ne indicano il successo reale" dice Brant Debow, EVP della tecnologia al BiTE Interactive.

Come per qualsiasi fenomeno emergente, anche per le app, i primi studi risultano molto superficiali, probabilmente a causa della mancanza di dati. Gli studi compiuti durante i primi giorni di vita di un'app, per comprendere e prevedere il comportamento degli utenti, si concentrano solitamente sul numero di download. Secondo Debow, dietro il successo di un'app si nasconde molto altro.

Con la crescita repentina del mercato delle app, i dati ora disponibili sono notevolmente aumentati e gli studi di essi diventano sempre più accurati.

Pochi mesi fa ho parlato di KPI (Key Performance Indicators) nell'articolo: "Perché fare la web analysis della vostra app?"; Oggi la sfida è quella di mettere in relazione alcuni di questi indicatori con il così detto app engagement.
Vorrei evidenziare alcuni dati che ritengo siano importanti da prendere in considerazione, al fine di rendere la vostra Beautiful app interessante e coinvolgente.

Potrei citare molti altri parametri ma preferisco parlare di quelli che possono essere utilizzati su tutti i tipi di applicazioni.

Utilizzo

Questo è uno dei parametri più importanti quando si tratta di conoscere i vostri utenti e il loro comportamento. Per poter misurare l'utilizzo della vostra app dovreste essere in grado di rispondere ad alcune domande come: Chi sono gli utilizzatori dell'app? Quanto spesso e quando accedono all'app? Che tipo di dispositivi stanno usando? Quale è il sistema operativo dei loro dispositivi? Che tipo di contenuti condividono?

Queste sono tutte domande importanti che possono trovare risposta grazie a particolari funzionalità come le statistiche social.

Perché sono così importanti per determinare l'app engagement? In effetti è come nella vita reale. Avete presente quando state parlando con qualcuno, ma percepite dalle sue risposte che non vi sta ascoltando?! Se la situazione non cambia, dopo poco ci si annoia e si interrompe la conversazione.

Questo può essere facilmente evitabile utilizzando le statistiche social offerte da GoodBarber. Diciamo, per esempio, che la maggior parte dei vostri utenti visiti principalmente le sezioni fotografiche, specialmente in orario notturno. Con queste informazioni, è possibile pianificare l'invio delle notifiche push riguardanti gli aggiornamenti di tale sezione, giusto pochi minuti prima della fascia oraria più trafficata.

Quanto più si interagisce con gli utenti utilizzando informazioni pertinenti, tanto più aumenterà l'engagement con la vostra applicazione.

Tasso di fidelizzazione

"La fidelizzazione è una delle più grandi sfide nel mercato delle mobile app, dal momento che il 65% delle persone smette di utilizzarle 3 mesi dopo l'installazione", Cezary Pietrzak, direttore marketing di Appboy.

Gli esperti suggeriscono di concentrarsi moltissimo sul giorno del lancio e di continuare il monitoraggio durante il primo mese così da vedere quanti utenti mantengono l'app. Anche se sappiamo che ogni app ha un ciclo di vita limitato, è possibile incrementare il suo tasso di fidelizzazione.
Cosa fare? 
- Pubblicate spesso degli aggiornamenti di contenuto, includendo quello inviatovi dai vostri utenti tramite la sezione Submit.
- Apportate modifiche che ritienete necessarie. Potete cambiare il design, il font, le icone...
- Mantenete viva la vostra app.

Il segreto è mantenere l'app dinamica.

Tasso di conversione

Questo dato varia molto a secondo dell'app che si prende in considerazione, in quanto la conversione dipende principalmente dalle funzionalità fornite agli utenti. Per esempio, se si parla di un'app e-commerce, il tasso di conversione può venir misurato in base al tasso di acquisti portati a termine o  in base al tasso di abbandono prima del pagamento. Se si tratta di un'app di notizie invece, la conversione potrebbe riguardare il numero di articoli letti e condivisi. Potrebbe anche venir calcolato in base al numero di utenti web che sono passati al mobile.
Un buon modo per aumentare il tasso di conversione è di fornire agli utenti un set di strumenti da utilizzare nelle sezioni più importanti.
Come per esempio la condivisione sui social network, la possibilità di commentare gli articoli e di creare una lista di preferiti. 
Tenete sempre a mente quali sono le funzionalità più rilevanti della vostra app e agite di conseguenza.

Utenti attivi

User Engagement Metrics. Cosa c'è oltre i download.
Alcune settimane fa abbiamo parlato di MAU (Monthly Active Users). L'articolo parlava principalmente di app di notizie, ma lo stesso concetto può essere utilizzato su differenti tipi di app. Le informazioni riguardanti il numero di utenti che leggono attivamente i vostri articoli, ascoltano la vostra musica, guardano i vostri video, commentano suo social network, ecc... è molto importante per poter identificare gli utenti attivi e anche per provvedere a quelli non attivi.

Per provare a recuperare gli utenti non attivi potete utilizzare le notifiche push e una volta che avrete imparato ad utilizzare bene i dati, potrete anche focalizzare meglio il vostro target e inviarne di mirate e più efficaci.

Durata della sessione

In un mondo in cui tutto avviene sempre più velocemente, il tempo risulta essere la cosa più importante. Ecco perché, l'ammontare di tempo che gli utenti decidono di spendere nella vostra app è un ottimo indicatore dell'app engagement.

Alcuni parametri che possono incrementare il valore di questa KPI sono:
- l'investimento sull'immagine
- la creazione di un design che non sia solo bello ma che sia lineare con il concept dell'app

Per esempio, se state creando un app che tratta di cibo, dovreste scegliere un template inspirato al cibo stresso, come il nostro template Cookies, o se invece il vostro progetto riguarda un app a tema fotografico, prendete ad esempio Blurred... La vista contribuisce molto all'engagement.
Altro consiglio che vi do per essere sicuri di offrire una perfetta user experience è quello di creare applicazioni native. Come abbiamo detto nell'articolo Native vs HTML5, la performance delle app native risulta essere molto più veloce e fluida.

Come incrementare ulteriormente l'app engagement?

A seconda del tipo di app vi sono KPI più o meno rilevanti.

Vi suggerisco di riflettere su quali hanno un valore chiave per l'engagement della vostra app e investire su di esse. Poi lavorate direttamente sulla vostra app, aggiungendo funzionalità, creando contenuto e scegliendo un design che contribuisca a creare un app in grado di catturare gli utilizzatori e di fidelizzarli.

Non dimenticatevi che tutte le KPI precedenti hanno una cosa in comune ovvero vi offrono un profonda conoscenza dei vostri utenti.

Tutto questo studio necessita di un po' di tempo, ma come ogni cosa nella vita... Se richiede tempo vuol dire che ne vale la pena!



Inserisci la tua email