Il ruolo delle app all'interno del dibattito politico

Written by on Giovedì 1 Settembre 2016

Il ruolo delle app all'interno del dibattito politico
La relazione tra politica e cittadini è in costante evoluzione. Oggi più che mai, grazie anche ai social media e al contesto globale, questo cambiamento sta avvenendo molto rapidamente. Allo stesso tempo c'é però anche un crescente bisogno di trasparenza e reciprocità a livello locale. È lecito per cui domandarsi: come ripensare la politica e il suo rapporto con i cittadini all'interno di un mondo digitale?
 

Con i social network e i media partecipativi, il potere é adesso finito nelle mani dei cittadini, che hanno oggi più che mai modo di esprimere il loro parere ed influenzare l'opinione pubblica. Questo processo può forse aiutare i politici a imparare ad interfacciarsi con queste nuove istanze e rispondere nel miglior modo possibile ai bisogni dei cittadini.

All'interno di questo contesto proviamo a capire come può un'app generare engagement in politica, non solo a livello locale ma anche a livello nazionale.
 

Campagne digitali

Per un politico il primo contatto con la comunità inizia con la campagna elettorale, molto prima di andare eventualmente al "potere". In questa fase iniziale il candidato ha l'opportunità di esporre le sue idee, fare le sue proposte, condividere il suo programma con gli elettori. Qui entra quindi in gioco il potere della storia, il racconto della vita e della carriera del candidato. Una sezione Articoli può essere sicuramente un buon inizio.

Attraverso la sua app il candidato può comunicare i suoi valori, il suo background, tutte le sue attività, il tutto a portata di mano. Una fotogallery ad esempio, utilizzando una sezione Foto, può contribuire a mostrare immagini della campagna elettorale e dei suoi sostenitori. Le giovani generazioni apprezzano molto questo genere di cose, é un modo per potersi identificare meglio nel proprio candidato. Poi ovviamente non bisogna dimenticare una sezione About con tutti i contatti e una breve descrizione personale.

Durante la campagna é inoltre molto importante mostrarsi aperto al confronto. Un politico deve ascoltare gli elettori, le loro preoccupazioni e i loro bisogni. Un'app può aiutare anche in questo. La possibilità ad esempio per gli utenti di poter commentare in varie sezioni dell'applicazione va assolutamente abilitata. Ci saranno sicuramente anche dei commenti negativi, ma questi possono essere gestiti in tranquillità. L'app deve essere uno spazio libero, per discutere apertamente e in democrazia.
 

Un'app partecipativa

Un'applicazione crea la connessione perfetta tra mondo fisico e digitale. L'interazione con i cittadini é un aspetto cruciale per il candidato, soprattutto in periodo elettorale. Molto importante è avere al suo interno anche una sezione Calendario, con tutti gli eventi in agenda (con descrizione, indirizzo e tutte le informazioni necessarie). I comunicati stampa potranno poi essere pubblicati il giorno successivo, per tutti coloro che non sono riusciti a essere presenti all'evento. Questo è un buon metodo per creare una comunità attorno all'app.

Altro passo fondamentale è il creare un'app il più possibile partecipativa. In termini di usabilità una sezione Invia può essere uno strumento molto utile. Gli utenti possono infatti utilizzarla per porre delle domande durante un evento o per caricare immagini subito dopo un comizio. I contenuti generati dagli utenti sono un qualcosa di veramente potente, ottimo per arricchire l'applicazione e per comprendere meglio come i cittadini percepiscono la campagna elettorale.

Le notizie sono inoltre un buon modo per mantenere alto l'interesse attorno all'app. Possono esserci temi di pubblico interesse (sotto forma di Articoli, Video o anche Audio) o notizie relative alla campagna. In questo modo l'applicazione verrà vista come un qualcosa di essenziale dagli utenti, dando di conseguenza maggiore visibilità al candidato.
 

Cittadini sempre connessi

I cittadini di questo nostro mondo digitale sono sempre connessi, pronti a reagire rapidamente a quanto accade attorno a loro. Però anche gli utenti più attivi a volte hanno bisogno di un piccolo promemoria, per far si che si ricordino della tua app. Le notifiche push sono a tal proposito essenziali nel ciclo di vita del tuo progetto e possono essere utilizzate sia per avvisare della pubblicazione di un nuovo contenuto, sia come invito ad un particolare evento.

Come arrivare invece al pubblico giusto al momento giusto? Niente di meglio dei geo alert. I politici possono infatti prendere come esempio l'industria degli eventi e utilizzare la stessa strategia per i loro meeting e comizi. 
 

Come menzionato poco fa, dar voce ai cittadini è un aspetto vitale in qualsiasi momento dell'attività politica. Ogni candidato deve avere molteplici canali per permettere che ciò avvenga. Un'app è probabilmente la soluzione più adeguata. Vi abbiamo dato numerosi esempi di come questo obiettivo possa essere raggiunto, manca all'appello solo la sezione Chat. Un'opzione da prendere in seria considerazione per arrivare ad essere veramente vicini al proprio pubblico.

E una volta che la campagna é finita, un prodotto di questo tipo può essere utilizzato per iniziative non più a scopo partitico, ma per la comunità. 

Alla fine un'app può essere utile, come abbiamo visto, per creare delle comunità (l'effetto Pokemon Go è l'esempio lampante): perché a questo punto non usarla per cambiare il mondo? Si, adesso stiamo un pochino esagerando, ma magari può essere uno spunto da cui trarre ispirazione ;)
 


Tradotto da Michele Pisani

 





I primi passi per creare la tua app Free E-book








Inserisci la tua email