Un’app come compagno di viaggio: nel 2017 le vacanze si organizzano su smartphone

Written by on Venerdì 13 Gennaio 2017

Un’app come compagno di viaggio: nel 2017 le vacanze si organizzano su smartphone
Quello tra app e vacanze è un binomio ormai sempre più forte. Come ben sai il mobile è in costante crescita, un fenomeno che ha coinvolto nel tempo diversi settori, in modo particolare l’industria turistica: dalle agenzie di viaggi, alle aziende di trasporti, al successo di applicazioni mobile turistiche.

In che modo possiamo spiegare questo fenomeno? Come sta cambiando l’offerta e la domanda di esperienze turistiche? E soprattutto, come e perchè sono cambiati i bisogni degli utenti?

L'era della velocita

Viviamo nell’era della velocità. Il turista moderno risulta essere sempre più impaziente ed esigente. In questi ultimi anni si sta infatti consolidando sempre di più un utilizzo della tecnologia atto a soddisfare questo bisogno di velocità, che riguarda tutto il processo organizzativo di un viaggio: dalla scelta della località, alla personalizzazione del viaggio in sè, fino alla prenotazione. Ci rivolgiamo alla tecnologia per evitare sorprese o intoppi, trovare risposte ai nostri bisogni nel breve tempo possibile, per cercare di rendere migliore la nostra esperienza di viaggio.

In vacanza in pochi click

Oggi la vacanza si organizza dunque su smartphone. Su app per l’esattezza. A confermare questo trend c’è uno studio di Booking.com, che ha analizzato tutta una serie di dati relativi all’anno appena concluso: recensioni, preferenze, consigli e raccomandazioni dei viaggiatori. Questa ricerca ha evidenziato alcune tendenze: attualmente il 44% dei viaggiatori si augura di poter programmare la propria vacanza in pochi clic da dispositivo mobile e che più della metà di questi (il 52% degli intervistati) prevede di utilizzare sempre di più le cosiddette “app da viaggio” nel 2017.

Un trend generale che viene confermato anche dal Travel Flash Report 2016 presentato al Bto da Criteo, azienda specializzata in performance marketing, che registra un +33% nell’ultimo anno per quanto riguarda le prenotazioni da smartphone. Le “travel app” dominano tra l’altro con il 72%, le prenotazioni di soggiorni brevi (di una notte).

Un fedele compagno di viaggio

Che si tratti di un viaggio con il tuo partner o di una gita culturale poco importa. Un’app non sembra essere più un mero strumento tecnologico, ma un vero e proprio compagno di viaggio, capace di anticipare i nostri bisogni e rispondere in modo adeguato ad ogni nostra specifica richiesta. Cercare un’informazione, studiare un percorso o individuare i migliori siti turistici da visitare, si fa tutto via dispositivo mobile. Mappe e guide ‘analogiche’ sono ormai un qualcosa di obsoleto.

Tutto questo anche offline. Perchè tanti sono gli utenti che viaggiano senza connessione e numerose sono ormai le applicazioni turistiche che offrono quanti piu servizi possibili senza il bisogno di essere connessi alla rete. Senza dimenticare l’enorme potenziale di geoalert e notifiche push, per un’esperienza di viaggio sempre piu completa e totalizzante.

Che il futuro fosse mobile lo sapevamo già... Tu assicurati di aver prenotato un posto in prima fila. Via app, ovviamente ;)
 



 CREA LA TUA APP








Inserisci la tua email